Dieta della frutta estiva

09/08/2017Dieta della frutta estiva

Si avvicina un evento importante e vorreste presentarvi al massimo della forma? Esiste una dieta che fa al caso vostro: la dieta della frutta. Questo regime alimentare, che consiste nell’esclusivo consumo di frutta, è particolarmente ipocalorico e ha il pregio di garantire risultati in brevissimo tempo. È necessario dire, però, che tale dieta non può essere seguita per lunghi periodi a causa della natura sbilanciata; se decidete di adottarla nella sua forma più rigorosa, limitatevi a tre/quattro giorni.

Come funziona?
Questo genere di dieta ha regole rigide, ma più varietà di quel che si pensi. Innanzitutto è possibile seguirla in due modi: nella versione classica, mangiando solo frutta per pochissimi giorni, così da ottenere effetto immediato, o in una variante soft, sostituendo un pasto principale (ad esempio la colazione) con uno a base di sola frutta per notare effetti sul lungo periodo. È preferibile consumare il cibo crudo, così da mantenere intatti tutti i nutrienti, oppure, in alternativa, utilizzare metodi di cottura che non alterino troppo l’apporto di vitamine e sali come quello al vapore.
Consentiti non solo ogni genere di frutto, ma anche spremute, centrifughe e succhi; 
l’importante è che niente venga zuccherato, in quanto gli alimenti di origine hanno già, chi più chi meno, il loro carico di fruttosio.

Consigli generali
Credenza comune è che una dieta del genere sia completamente priva di grassi e proteine. Effettivamente un regime alimentare a base di sola frutta è molto povero di questi nutrienti fondamentali. Inoltre, un pasto esclusivamente vegetale sazia in fretta, ma non a lungo, costringendoci così a consumarne quantità eccessive durante la giornata per non sentirci affamati. La frutta è sì poco calorica, ma contiene zuccheri come il già citato fruttosio, sarebbe meglio, quindi, evitare di abbuffarsi.
Questi inconvenienti sono facilmente aggirabili non rinunciando a un apporto minimo di proteine e grassi, soluzione possibile grazie ad alimenti come 
cocco e avocado. Il primo è una buona fonte di proteine, ma anche di acidi grassi a media catena, il secondo, invece, è ricco di acidi grassi polinsaturi (che sono benefici) e contiene anche proteine in moderata quantità. L’importante è non esagerare con entrambi, o la dieta non avrebbe più molto senso.

Giornata tipo
Per aiutarvi, ecco un esempio di giornata seguendo un regime alimentare a base di sola frutta:
– A colazione una spremuta d’arancia o un succo d’anguria e un pasto a base di frutti di bosco.
– A pranzo un mix di frutta a basso indice glicemico come kiwi, pere, mele, pesche noci e albicocche. È bene inserire ancora frutti di bosco come fragole, mirtilli o lamponi per le loro qualità antiossidanti.
– A merenda una banana per ottenere energia rapidamente e agrumi, come un’arancia o un paio di mandarini.
– A cena un mix tropicale a base di cocco (o avocado), ananas, papaya e mango per assicurarsi di essere sazie fino al mattino seguente.

Da: QUI