Dieta per pancreatite

28/04/2018Dieta per pancreatite

La pancreatite acuta può addirittura portare alla morte, se non adeguatamente trattata.

La maggior parte dei pazienti colpiti si ristabilisce completamente, tuttavia, circa il 25% dei casi diagnosticati sperimenterà episodi ricorrenti nel corso della vita, portando la malattia a divenire cronica. La pancreatite cronica, a sua volta, aumenta significativamente il rischio di incorrere in malattie ancora più gravi, come il cancro al pancreas e il diabete.

Perciò, seguire una dieta per la pancreatite non è solo necessario per facilitare la guarigione, ma anche per prevenire che la malattia entri nella fase cronica. Alcuni soggetti sono più inclini a sviluppare questa condizione: in particolare, quei soggetti con un passato di abuso di sostanze, o che fano uso di farmaci particolari, oppure soggetti che seguono uno stile di alimentazione sbagliato o con una predisposizione genetica.

Sicuramente fare esercizi fisici di intensità lieve o moderata, così come praticare yoga e meditazione, può aiutare a gestire i sintomi della pancreatite acuta, mentre evitare l’alcol e il tabacco è assolutamente necessario per la completa guarigione. Tuttavia, sia che vi sia stata diagnosticata una pancreatite acuta o cronica, il primo passo da seguire è adottare una dieta salutare focalizzandosi sul consumo di frutta fresca e verdura, cereali e proteine semplici. Vediamo come.

Cos’è la pancreatite acuta e cronica

Il pancreas è l’organo centrale dove vengono prodotti gli enzimi essenziali per la digestione, così come gli ormoni che aiutano l’organismo a processare gli zuccheri, come ad esempio l’insulina.

Il pancreas si può danneggiare, causando l’attivazione degli enzimi digestivi mentre sono ancora all’interno del pancreas, invece che nel tratto digestivo. Questo fenomeno può portare all’insorgere di infiammazione e pancreatite. Sia nei pazienti con pancreatite acuta che cronica, si può formare una cicatrice, causando un funzionamento ridotto dell’organo o addirittura ad un guasto completo.

La pancreatite acuta è, quindi, un’improvvisa infiammazione che porta gonfiore, forte dolore e digestione compromessa. È possibile che si verifichino anche gravi complicazioni in relazione a questa condizione, in particolare se il pancreas incorre in un’infezione.

La pancreatite cronica è, invece, caratterizzata da una condizione di infiammazione persistente del pancreas, che finisce per causare un danno permanente a quest’organo vitale. La pancreatite cronica è tuttora incurabile, e porta a sicure complicazioni pericolose per la vita, inclusi insufficienza epatica, diabete e cancro al pancreas.

La dieta per la pancreatite

Dopo una diagnosi di pancreatite acuta o cronica, la dieta deve essere la principale priorità su cui concentrarsi per la guarigione.

Il Pancreas Center della Columbia University raccomanda di concentrarsi su una dieta ricca di nutrienti, per non incorrere in malnutrizione, con un elevato contenuto di proteine semplici, a base di cereali, frutta, verdura e prodotti caseari a basso contenuto di grassi. Sono da evitare, invece, i cibi fritti con molto olio e le bevande alcoliche. Il programma fornito consiglia, inoltre, di sottoporsi ad esami del sangue con cadenza annuale per determinare se vi siano insufficienze a livello di qualche nutriente, per provvedere poi a supplementi e modifiche nella dieta.

In definitiva, la dieta raccomandata dalla Columbia University, risulta molto simile alla famosa dieta mediterranea, seguita per molte generazioni – e ancora oggi! – dalle popolazioni della nostra penisola. Molti studi hanno, infatti, dimostrato che questo tipo di alimentazione:

  • Abbassa il rischio di incorrere in diabete di tipo 2
  • Migliora le capacità cognitive e il tono dell’umore
  • Protegge contro la malattia di Alzheimer e le malattie cardiache
  • Aiuta a proteggere contro vari tipi di cancro gastrointestinale
  • È associata con un basso rischio di cancro al pancreas

Tuttavia, la tradizionale dieta mediterranea può risultare anche troppo elevata nel contenuto di grassi per alcuni soggetti affetti da pancreatite, ma risulta anche facilmente modificabile in base alle esigenze. La maggior parte di ogni pasto dovrebbe concentrarsi sul consumo di frutta, verdura e cereali, con le proteine e i grassi che giocano un ruolo di sostegno. Molti esperti consigliano la seguente tabella giornaliera come obiettivo:

  • 3 porzioni di cereali
  • 2 porzioni di frutta fresca
  • 5-7 porzioni di verdure
  • 1 porzione di frutta secca
  • 1 porzione di proteine animali semplici
  • 1 porzione di latticini magri

Alla settimana, invece, si consiglia di assumere:

  • 3 porzioni di pesce non da allevamento
  • non più di 2 porzioni di manzo o agnello
  • 3 porzioni di uova
  • 3-4 porzioni di pollo o tacchino
  • 3-4 porzioni di nocciole o semi
  • 1-2 porzioni di dolci non dannosi per il cuore
  • 4-6 porzioni di legumi

Questa dieta per la pancreatite può essere aggiustata in base alle singole esigenze, ad esempio in caso di allergie o intolleranze verso uno o più dei cibi menzionati.

8 frutti da inserire nella dieta per chi soffre di pancreatite

Quale frutta scegliere, se si soffre di questo fastidioso disturbo?

  • More e mirtilli: questi frutti di bosco sono ricchi in resveratrolo, manganese, fibra, vitamina C e K. Si consiglia di provare questi frutti in una bella insalata di more e limone, salutare e ricca di nutrienti, contenente olio d’oliva, semi di sesamo e mandorle.
  • Ciliegie: basse in calorie e ad elevato contenuto di nutrienti essenziali, le ciliegie sono uno spuntino perfetto che favorisce la perdita di peso, riduce l’infiammazione e favorisce il buon riposo.
  • Anguria: eccellente fonte di vitamine A, B e C, come di potassio, magnesio e manganese. Provate un buon frappè all’anguria a colazione o come merenda pomeridiana; questa ricetta è ricca di proteine provenienti dallo yogurt al cocco e dai semi di chia.
  • Prugna nera: con un basso indice glicemico, e con un comprovato effetto che abbassa il colesterolo e aiuta la digestione, le prugne costituiscono un frutto perfetto da assumere in una dieta per la pancreatite.
  • Uva rossa: è stato dimostrato che i polifenoli contenuti nell’uva aiutano a prevenire l’obesità e il diabete di tipo II, mentre sedano l’infiammazione. Per assumerla con piacere nella vostra dieta, provate una manciata di acini come spuntino o preparatevi una gustosa insalata di pollo, uva e noci.
  • Mango: ricco di fibra salutare e vitamina C, il mango contiene anche minerali essenziali, incluso il ferro, il calcio, il potassio e il magnesio. Questo frutto dalle proprietà super è associato con un migliore livello di glucosio nel sangue e controllo glicemico.
  • Mele: dal momento che sono naturalmente ricche in fibre, aiutano a sedare l’infiammazione e supportano la digestione, le mele si rendono uno spuntino veloce e salutare.
  • Melograno: dolce e croccante, questo frutto dalle grandi proprietà è carico di fibra, potassio e vitamine C e K. Molto gradevole da spolverare sull’hummus, il tipico piatto ricco di proteine, molto diffuso in Medio-Oriente.

Da: QUI