La dieta a giorni alterni e antinfiammatoria

27/11/2017La dieta a giorni alterni e antinfiammatoria

Il mondo delle diete continua a suscitare interesse soprattutto per tutti coloro che vedono le prossime feste come un buon motivo per ingrassare e perdere il peso forma. Una novità è rappresentata dalla dieta dei giorni alterni, un programma alimentare che permette di perdere peso, fino a 3 chili a settimana, basando la propria alimentazione su alimenti meno calorici o più calorici a giorni alterni appunto. Il consiglio di base, come sempre, è di consultare il medico per comprendere se questa dieta faccia o meno al caso vostro considerando che è comunque sconsigliata alle donne in gravidanza e chi soffre di determinate patologie.

La dieta a giorni alterni

La dieta a giorni alterni si basa essenzialmente sul fatto che in alcuni dati giorni si deve seguire un’alimentazione meno calorica, mentre in altri si va a sopperire alle mancanze mangiando cibi più calorici per riattivare il metabolismo. In tal senso ci sono più versioni di questa dieta, una più drastica e una meno. La versione americana, ad esempio, si basa sull’assunzione di soli 500 calorie in un giorno mentre quello seguente si può mangiare ciò che si vuole mentre le varianti più classiche e sicuramente preferite, si basano su giorni in cui si mangia meno e altri in cui ci si può concedere qualche sgarro. Andando a fare esempi concreti, la dieta in questione potrebbe suddividersi così: un giorno per colazione si bevono solo una tazza di latte, 100 ml o uno yogurt accompagnato da due fette biscottate e 15 grammi di biscotti secchi mentre per lo spuntino si preferisce la frutta secca, ad esempio, il tutto accompagnato da condimenti molto leggeri. Per il pranzo e la cena alcuni esempi prevedono circa 60 grammi di pasta condita con solo pomodoro, bresaola, radicchio, caprese con pomodoro e mozzarella. Per il giorno meno restrittivo a colazione si può mangiare una brioche liscia con un cappuccino, per pranzo o cena risotto condito con verdure e carne magra.

La dieta antinfiammatoria

Un’altra dieta da considerare è la dieta antinfiammatoria, un regime alimentare che promette di disinfiammare l’organismo e patologie come ictus, diabete, ma anche Alzheimer. A Tal proposito esistono alcuni cibi che hanno questa funzione come i cereali, grassi monoinsaturi, elementi antiossidanti e anti-ulcerosi, come curcuma, aglio, zenzero, frutti di bosco, ananas e alimenti a base di omega-3. Si tratta quindi di una dieta povero carni rosse, uova, burro che riducono anche le malattie infiammatorie a carico dell’intestino.

Da: QUI